Il denominatore comune del successo

Condivido una riflessione pensata per un convegno del 1940 ma tutt’ora attuale e interessante.

In sintesi, qual è il denominatore comune del successo?

Il fare le cose che agli altri non va di fare.

The common denominator of success – secret of success of every individual who has ever been successful – lies in the fact that he or she formed the habit of doing things that failures don’t like to do.

It’s just as true as it sounds and it’s just as simple as it seems. You can hold it up to the light, you can put it to the acid test, and you can kick it around until it’s worn out, but when you are all through with it, it will still be the common denominator of success, whether we like it or not.

Albert E. N. Gray, Prudential Insurance Company of America

Personalmente credo che sia profondamente vero, ma ritengo anche che possa risultare un’arma a doppio taglio, perché quando ti occuperai di cose che altri non vogliono, non amano o non sanno fare e non vogliono imparare a farle, dall’alto della loro mediocrità ti diranno “ah beh, tanto a te divertono!

Una lettura interessante che vale la pena di fare.

Ringrazio Antonio Dini che mi ha consentito di scoprire questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.